Info utili sull’aggiornamento a Windows 10 per PC e tablet

Windows 10

Windows 10

Con l’annuncio della data di lancio di Windows 10 per PC, Microsoft ha rinnovato e ampliato la documentazione disponibile sul proprio sito web che ne descrive caratteristiche e funzionalità. Questo ci permette di ottenere alcune utili informazioni su ciò che ci attende, e più precisamente su quali saranno i requisiti hardware minimi richiesti, le funzionalità deprecate e i requisiti aggiuntivi per quelle nuove.

Windows 10, a differenza delle altre versioni dell’OS di Microsoft, non necessita di grandi risorse per poter funzionare. Ovviamente più l’hardware è moderno e potente, maggiori saranno le prestazioni che si otterranno, tuttavia basterà disporre della seguente dotazione hardware per poter eseguire l’installazione sul proprio PC o tablet:

  • Processore: 1 gigahertz (GHz) o superiore oppure SOC
  • RAM: 1 gigabyte (GB) per sistemi a 32-bit o 2 GB per sistemi a 64 bit
  • Spazio su disco rigido: 16 GB per sistemi a 32 bit, 20 GB per sistemi a 64 bit
  • Scheda video: DirectX 9 o versioni successive con driver WDDM 1.0
  • Schermo: 1024×600

Ovviamente, Microsoft sottolinea, che l’effettiva possibilità di aggiornare a Windows 10 dipenderà da alcuni fattori quali il supporto di driver e firmware, la compatibilità delle applicazioni e le funzionalità supportate. Chi possiede un PC o tablet con Windows 7 SP1 o Windows 8.1 Update, può verificare se soddisfa i requisiti utilizzando l’opzione “Controlla il tuo PC” accessibile dall’hambuger menu dell’app “Ottieni Windows 10” di cui vi abbiamo parlato in questo articolo.

Durante l’aggiornamento a Windows 10 verrà eseguita la migrazione delle applicazioni installate, dei file e delle impostazioni ma è possibile che alcune applicazioni o impostazioni non saranno mantenute. E’ il caso degli antivirus e degli antimalware che potrebbero essere disinstallati per poi essere reinstallati nella versione più recente disponibile con le impostazioni configurate prima dell’aggiornamento.

Alcune applicazioni fornite dal produttore del PC o tablet in uso potrebbero essere rimosse e non reinstallate dopo l’aggiornamento a Windows 10. Stessa sorte potrebbe riguardare anche le app di terze parti per cui vengono rilevati dei problemi noti dalla suddetta app “Ottieni Windows 10”. Tuttavia, se vengono rilevati problemi noti che potrebbero impedire l’aggiornamento, verrà visualizzata una notifica con l’elenco delle applicazioni in questione e l’utente potrà scegliere di accettare la rimozione delle applicazioni dal sistema prima dell’aggiornamento.

Per quanto riguarda le app deprecate, Microsoft informa che se si installa l’aggiornamento a Windows 10 su un PC o tablet con Windows 7 Home Premium, Windows 7 Professional, Windows 7 Ultimate, Windows 8 Pro con Media Center o Windows 8.1 Pro con Media Center, il Windows Media Center verrà rimosso (per guardare DVD sarà dunque necessario disporre di software di riproduzione a parte). Lo stesso avverrà per i gadget per il desktop di Windows 7 e per i giochi Solitario, Prato fiorito e Hearts preinstallati in Windows 7 (le nuove versioni di Solitario e Prato fiorito saranno disponibili nella nova “Raccolta di solitari Microsoft” e “Prato fiorito Microsoft”). Inoltre, se si dispone di una unità floppy USB sarà necessario scaricare il driver più recente da Windows Update o dal sito Web del produttore per poter continuare ad usarlo.

Windows 10, come sappiamo, porta diverse nuove funzioni tra cui Cortana, Windows Hello e Continuum. Per poter funzionare in modo corretto è necessario disporre di hardware adeguato. Ad esempio, per prestazioni ottimali del riconoscimento vocale da parte di Cortana è necessario avere un “Gruppo microfoni ad alta fedeltà” e “Driver hardware con geometria del gruppo microfoni esposta”. Windows Hello, invece, richiede una fotocamera a infrarossi illuminata specializzata per il riconoscimento facciale o il rilevamento oculare oppure un lettore di impronte digitali che supporti Windows Biometric Framework mentre Continuum sarà utilizzabile sui tablet e i dispositivi 2-in-1 con indicatori GPIO oppure quelli con indicatore laptop e slate.

Microsoft infine ricorda a quali versioni di Windows 10 si passerà dalle diverse release di Windows 7 e Windows 8.1. La tabella presente nell’immagine qui sotto è chiara e non richiede spiegazioni.

Update a Windows 10

Update a Windows 10

Per ulteriori dettagli e info utili accedete a questa pagina del sito di Microsoft e se avete dubbi o domande vi invitiamo ad inoltrarle sul forum di supporto ufficiale di Windows.

Scopri le offerte

35 Commenti

  1. ☏ matteo
    • ☏ Simone 630
  2. ☏ Fire&Ice
  3. ☏ simone nataz
    • ☏ Davide4824
    • ☏ massimo
  4. ☏ matteo
    • ☏ lumialino
      • ☏ matteo
        • ☏ Woldemort
          • ☏ Sum41
  5. ☏ s m
  6. ☏ commentatore
  7. ☏ Davide925
    • ☏ luca
  8. ☏ alexthebig
    • ☏ Davide4824
  9. ☏ marco830
  10. ☏ Furio
    • ☏ tommy
  11. ☏ Marco
  12. ☏ Manuel
  13. ☏ Gabri
  14. ☏ vincenzo88
  15. ☏ Smile :D
  16. ☏ lorenzo
    • ☏ michele620
  17. ☏ salvatore
  18. ☏ Alex
    • ☏ luca
  19. ☏ Vincent Vega
  20. ☏ Fonzarelli-925
  21. ☏ Carlotta
  22. ☏ gius

Aggiungi un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi e commenta gli articoli di Windowsteca dalla nostraApp per Android e Windows Phone
+