Microsoft: la nostra tecnologia di riconoscimento delle parole è uguale a quella di un essere umano

Cortana

Cortana

Gli ingegneri del Microsoft Research hanno annunciato che la propria tecnologia di riconoscimento delle parole in una conversazione, su cui lavorano da oltre 20 anni, ha raggiunto un livello di efficienza tale da poter essere equiparato alla medesima capacità di un essere umano. I recenti sviluppi e affinamenti di tale tecnologia, che come ben sappiamo è alla base di Cortana, hanno infatti portato al 5,9% il tasso di errore di riconoscimento delle parole (il WER) ovvero la stessa percentuale di incomprensione di una persona quando trascrive ciò che gli viene detto durante una conversazione.

Microsoft definisce questo fatto un “risultato storico” in quanto arriva dopo decenni di ricerca e sviluppo sul riconoscimento vocale, e più precisamente dai primi anni ’70, da quando l’agenzia statunitense DARPA ha avviato i primi studi per portare l’innovazione tecnologica nell’interesse della sicurezza nazionale.

Gli ingegneri del Microsoft Reaserch sottolineano però che il raggiungimento di questo importante traguardo non deve far credere che d’ora in avanti i computer saranno infallibili nel riconoscimento delle parole. Nemmeno gli esseri umani lo sono. Li renderà semplicemente più rapidi nella comprensione durante una conversazione e nell’elaborazione degli algoritmi di apprendimento con tassi di errore molto bassi.

Geoffrey Zweig, che ha lavorato sul riconoscimento vocale per più di 3 decenni, ha dichiarato:
“per me è un sogno che diventa realtà”. E ha aggiunto: “siamo già al lavoro per migliorare il riconoscimento vocale anche in ambienti rumorosi e per fare in modo che la tecnologia possa identificare ogni singola persona di una conversazione di gruppo e funzionare nel modo più efficiente anche con voci differenti, senza distinzione di età, accento o capacità”. E alla fine ha detto: “la prossima frontiera sarà il passaggio dal riconoscimento alla comprensione”.

Intanto, alcuni indizi trapelati in rete portano a pensare che Microsoft si stia preparando al lancio di un complemento d’arredo tecnologico che permetterà di portare Cortana nelle nostre case. Dovrebbe essere simile al Google Home e all’Amazon Echo e probabilmente sarà denominato “Home hub”.

Scopri le offerte

49 Commenti

  1. ☏ emanuele
    • ☏ bruno
      • ☏ dan1520/950
  2. ☏ Angelo
    • ☏ Antonio
      • ☏ bruno
      • ☏ vulvasaur
  3. ☏ anto
  4. ☏ Luisa Lumia640XL
    • ☏ dario
    • ☏ bruno
  5. ☏ Luisa Lumia640XL
    • ☏ Vito
      • indigesto
  6. ☏ Jacob
    • ☏ simolumia950
      • ☏ Jacob
        • ☏ Antonio
          • ☏ bruno
      • ☏ talaban
        • ☏ bruno
          • ☏ Jacob
          • ☏ Vito
          • ☏ Bomberino
  7. ☏ Sandro Di Pollo
    • ☏ Mauro
  8. Jean
    • ☏ bruno
  9. Luca
  10. ☏ sminch88
  11. ☏ simoandre
    • ☏ bruno
  12. ☏ fabio950
  13. ☏ leonardo
  14. indigesto
  15. ☏ Paul
  16. ☏ valerio.sic97 640xl
  17. ☏ Skywalkersenior
  18. ☏ joncril 735
    • ☏ bruno
  19. emmaLove
    • emmaLove
      • ☏ Antonio
  20. ☏ vinilic
  21. ☏ Antonio
    • ☏ vulvasaur
  22. ☏ bruno
  23. ☏ Mauro

Aggiungi un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi e commenta gli articoli di Windowsteca dalla nostraApp per Android e Windows Phone
+