Microsoft e Intel uniti per il Project EVO: in arrivo una “nuova ondata di moderni computer”

Project EVO

Project EVO

L’annuncio della nuova collaborazione con Qualcomm finalizzata a portare i software Win32 sui dispositivi mobili con processore ARM non dove far pensare alla fine del sodalizio tra Microsoft e Intel. Anzi, come ha fatto intendere Terry Myerson al WinHEC 2016, la partnership decennale tra le due società ora è ancora più stretta grazie ad un nuovo progetto, denominato Project EVO, avviato per la progettazione e lo sviluppo congiunto di nuove soluzioni hardware e software in grado di agevolare la diffusione dell’Intelligenza Artificiale, di Cortana, della realtà mista nel gaming e della sicurezza avanzata.

Grazie a questa nuova collaborazione, ha dichiarato Terry Myerson, le migliori innovazioni di Microsoft e Intel saranno portate ad un livello di efficienza superiore sui dispositivi di nuova generazione. Si avrà infatti la possibilità di interagire con Cortana anche a distanza di alcuni metri dal dispositivo, di godere di sistemi di sicurezza più sofisticati per la protezione da malware e minacce hacker, di utilizzare sistemi di autenticazione biometrica più efficienti attraverso Windows Hello e di accedere al mondo della realtà mista attraverso dispositivi a buon mercato ma soprattutto in grado di fondere la realtà virtuale con quella fisica come nussun’altra piattaforma è in grado di fare.

Device Windows10 per la realtà mista

Device Windows10 per la realtà mista

E a proposito di dispositivi per la realtà mista e virtuale, Terry Myerson ha ribadito che i primi ad arrivare sul mercato, nel corso del 2017, saranno prodotti da Acer, ASUS, Dell, HP e Lenovo. Disporranno di processori Intel e avranno accesso ad un catalogo di applicazioni che vanta oltre 20 mila Universal Windows App, ad oggetti 3D da prendere attraverso Microsoft Edge e trasportare nel mondo fisico, a contenuti “Immersive WebVR” tramite Microsoft Edge e a video a 360 gradi riproducibili attraverso l’applicazione Film e TV.

Inoltre, ha anche diffuso i requisiti minimi per far girare Windows 10 VR sui PC e consentire l’utilizzo dei suddetti dispositivi indossabili che in lingua inglese vengono chiamati head mounted displays (HMDs):

  • CPU: Intel Mobile Core i5 (e.g. 7200U) Dual-Core con Hyperthreading o equivalente
  • GPU: Integrated Intel HD Graphics 620 (GT2) equivalente o superiore con DX12 API Capable GPU
  • RAM: 8GB+ Dual Channel per la grafica integrata
  • HDMI: HDMI 1.4 with 2880×1440 @ 60 Hz oppure HDMI 2.0 oppure DP 1.3+ con 2880×1440 @ 90 Hz
  • HDD: 100GB+ SSD (preferibile) / HDD
  • USB: USB 3.0 Type-A o USB 3.1 Type-C Port con DisplayPort Alternate Mode
  • Bluetooth: Bluetooth 4.0 per gli accessori

Infine, Project EVO ha come scopo anche quello di portare diverse innovazioni nel mondo del gaming come l’eSports (Sport elettronici, vedi qui per maggiori info), e migliorare le attuali tecnologie tra cui il game broadcasting e il supporto al 4K, High Dynamic Range (HDR), Wide Color Gamut (WCG), audio spaziale, e il supporto ai controller Xbox con Bluetooth nativo.

A seguire due video che illustrano le nuove opportunità che la piattaforma per la realtà mista di Microsoft, Windows Holographic Platform, offrirà nel prossimo futuro anche grazie alla collaborazione con Intel.



Scopri le offerte

14 Commenti

  1. ☏ Antonio
    • ☏ Roby lumia 930
      • ☏ Stefano 950
    • ☏ Luigi.950.By.Canada
      • ☏ Marck132lumia950XL
        • ☏ Antonio
          • ☏ Luigi.950.By.Canada
      • ☏ Antonio
        • ☏ Luigi.950.By.Canada
        • ☏ DreT
          • ☏ Antonio
          • ☏ DreT
          • ☏ Antonio
          • ☏ DreT

Aggiungi un commento

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.

Leggi e commenta gli articoli di Windowsteca dalla nostraApp per Android e Windows Phone
+